KokoDesign

Tag: kokodesign

15 agosto 2018

Inbound marketing

L’inbound marketing è una strategia olistica, capace di coinvolgere, attrarre e convertire i visitatori trasformandoli in clienti attraverso informazioni e contenuti rilevanti e non interruttivi COS’È L’INBOUND MARKETING: ESEMPI ED APPLICAZIONI Un’azienda inbound non è un’azienda che dimezza il proprio budget di investimento, ma ottimizza gli investimenti: l’impiego di risorse intellettuali ed economicheper la creazione di contenuti e informazioni efficaci può e deve essere comunque cospicuo. LA METODOLOGIA  La metodologia inbound consiste nell’insieme dei processi attraverso i quali un utente – sconosciuto – si trasforma in un cliente e poi in un promotore di un certo brand o business. In questo set di processi, il contenuto conserva una centralità essenziale, perché solo attraverso la creazione di contenuti pertinenti è possibile attrarre l’attenzione dell’audience di riferimento – inclusi i prospect

read post

13 agosto 2018

In Europa calano gli utenti di Facebook

Pesante il primo trimestre per Facebook dopo lo scandalo Cambridge Analytica, diminuiscono gli utenti Ue e il tempo medio trascorso sulla piattaforma   Passato un intero trimestre dopo i recenti scandali relativi alla privacy venuti a galla con il caso Cambridge Analytica, per Facebook è giunto il momento di tirare le somme. Menlo Park tira il freno a mano e ammette che la crescita sta rallentando, una considerazione che ha fatto crollare il titolo del 23,68%durante l’after-hours (prolungamento degli investimenti anche dopo la chiusura delle borse). In pochi minuti sono stati bruciati 17 miliardi di dollari, cifra che può aumentare se oggi, alla riapertura delle contrattazioni, il titolo non dovesse invertire l’andamento. Le perplessità degli analisti Rispetto al primo trimestre 2018 i ricavi sono

read post

10 agosto 2018

YouTube supporta i video verticali da desktop

Via le barre laterali nere nella visualizzazione, da ora il video si adatterà automaticamente Nella versione da desktop ora anche YouTube mostrerà i video verticali senza barre nere laterali. La piattaforma video, infatti, ha rilasciato venerdì scorso un aggiornamento in base al quale le proporzioni del video vengono ridimensionate automaticamente in base allo schermo del computer da cui lo si sta guardando. La funzionalità, già attiva sui dispositivi mobili iOS e Android, in pratica rimuove le barre nere che prima erano visualizzate attorno ai video verticali, espandendo il video se possibile, o sostituendo il nero con un’area bianca.   La nuova funzione per i video verticali in risposta ai competitor La funzionalità riguarda sia i video verticali che quelli in

read post

3 agosto 2018

Live streaming strategy: quando, come e perché sfruttare le dirette sui social

Ormai immancabili nei piani editoriali e tra i trend per il marketing, i video hanno dimostrato in questi anni di essere in grado di garantire soprattutto un forteengagement. Non a caso, tra le tante statistiche in materia non stupiscono quelle secondo cui metà del traffico da mobile è dedicato appunto alla visione di contenuti video o quelle del Global Video Index 2017 di Ooyala che sottolineano come il consumo di video da mobile sia aumentato in un solo anno di oltre il 50%. Quando, però, per un brand o per un qualsiasi soggetto business sarebbe più opportuno pensare a una live streaming strategy? Quali sono gli aspetti più importanti di cui tenere conto quando si guarda al mondo dei video in diretta?  

read post

1 agosto 2018

Social week: tutte le novità

Facebook crolla in borsa, Instagram ci dice chi è online e nasce Fuchsia Tutte le novità dal mondo dei social, dalla nuova etichetta Facebook per l’influencer marketing, a Twitter che blocca i profili a nome Elon Musk e YouTube che inserisce un sorprendente tasto “Esplora”   Facebook Facebook viaggia più veloce della luce. Il colosso di Menlo Park anche questa settimana ci regala alcune novità davvero interessanti. Prima di tutto, arriva una nuova etichetta per l’influencer marketing. Di cosa si tratta? Scopriamolo. L’obiettivo è quello di fissare alcune regole per rendere inequivocabile il riconoscimento dei contenuti commerciali che sono frutto di un accordo tra brand e influencer. Già accadeva su Instagram, adesso anche su Facebook i brand possono essere

read post

20 luglio 2018

FACEBOOK PUNTA TUTTO SUL DATO E SFIDA LA TV: NUOVI TOOL IN ARRIVO PER I MARKETERS

  Quello dei dati sembra essere per Facebook un tema vero, il tema vero. È arrivato in settimana un annuncio piuttosto importante che comincia con questa frase: Measurement is the process of using metrics to understand the outcomes that matter to them.   Per rispondere alla sempre crescente domanda di dati da parte degli utenti, il gigante Blu ha ristrutturato e rinominato il proprio canale dedicato, da oggi “measurement FYI”. Sono in particolare due i “grandi momenti” su cui Facebook vuole intervenire: comparabilità cross-channel; verifica sui dati da parte di terzi Nel primo caso Facebook, dopo aver annunciato una maggiore attenzione alle partnership esterne, esce oggi con un portale dedicato denominato MMM ove gli advertiser potranno avere informazioni direttamente dal Social Network. L’obiettivo è

read post

18 luglio 2018

Come comprendere il social selling

Cos’è il social selling e su quali pilastri si fonda? La locuzione social selling induce spesso ed erroneamente a pensare che si tratti di un ramo del web marketing che studia le tecniche di vendita attraverso l’utilizzo dei social media. Spesso, inoltre, si crea confusione e sovrapposizione tra ciò che è il social media marketing e il social selling. Secondo la definizione di Wikipedia, «il social media marketing è quella branca del marketing che si occupa di generare visibilità sui social media». Nel 2017 Hubspot, nell’ultima sua definizione di social selling, ne ha parlato come della «attività in cui gli addetti alle vendite utilizzano i social media per interagire direttamente con i loro prospect, offrono valore rispondendo alle loro

read post

17 luglio 2018

Cos’è la brand safety e come puoi difendere il tuo brand

Cosa significa esattamente brand safety e a cosa bisogna stare attenti quando si fa pubblicità online spiegato attraverso cinque case studies di errori da evitare Se ne è parlato a lungo nell’ultimo anno e quello della brand safety è diventato uno degli hot topic sul web, ma cosa si intende davvero quando si parla di sicurezza dei brand? In breve, per  brand safety si intende l’insieme delle pratiche per una corretta collocazione degli annunci evitando accostamenti a contenuti illegali, inopportuni, offensivi o semplicemente contrari alla vision, ai valori e all’immagine della marca, che possano in qualche modo pregiudicare la reputazione del brand e l’efficacia del messaggio pubblicitario. Perché la brand safety è importante? Il motivo principale per cui la

read post

17 luglio 2018

La forza della InstagramTv

Dopo la nascita della tv di Instagram, facciamo un punto sulle sue potenzialità La battaglia per il contenuto e tra i produttori di contenuti si sta scaldando sempre di più con l’annuncio del lancio di IgTv da parte di Instagram, una nuova funzione che consente agli user di caricare e vedere contenuti video di lunga durata. Secondo Facebook, IgTv risponde a una tendenza emersa tra le audience più giovani che passano sempre meno tempo davanti alla tv e a un panorama video che si sta evolvendo. In effetti ha fatto passi da gigante, di pari passo all’ambizione di Facebook di portare formati adatti alla programmazione all’interno delle sue piattaforme. A differenza però di Facebook Watch, che è stato lanciato l’anno scorso ma è attualmente disponibile solo negli Usa, IgTv è distribuito a

read post

16 luglio 2018

Come far crescere una PMI

Una buona strategia di marketing, insieme a visione e obiettivi chiari, è il punto di partenza obbligato quando ci si chiede come far crescere una PMI. Come far crescere una PMI? La domanda è lecita soprattutto per chi ha investito in un business “in proprio” e sta cercando di ottimizzarlo. Il fantomatico passaggio da startup a scaleup, infatti, non è l’unico che richiede tempo, devozione, strategia: anche una piccola e media impresa, a un certo punto del suo ciclo di vita, potrebbe porsi come obiettivo quello di aumentare la sua produzione o il suo fatturato e cioè di crescere, appunto. Prima ancora di chiedersi come si possano ottenere risultati concreti in questo senso, però, potrebbe essere utile valutare se il momento è giusto:

read post

Copyright (C) 2018 - Tutti i diritti riservati.